Affitto o acquisto casa: 3 consigli utili

Nel momento in cui si decide di compiere un passo importante nella propria vita e cercare una nuova dimora, la domanda che subito ci si pone è: affitto o acquisto casa? Si cerca dunque di stilare quali sono i lati positivi (e quelli negativi) di entrambe le opzioni, così da identificare quella adatta alle proprie esigenze.

Quando si vuole comprare casa (a proposito, qui trovi la guida completa), è importante considerare la totalità degli aspetti che entrano in gioco: costi, bonus e incentivi, investimenti futuri e molto altro ancora. In questo articolo elenchiamo ed analizziamo 3 consigli utili per scegliere se comprare o affittare casa.

Comprare casa: pro e contro

Decidere di acquistare una casa, soprattutto di questi tempi, non è una scelta indifferente. Questa operazione comporta una grande spesa che non tutti sono disposti a compiere. Tuttavia, comprare casa anziché andare in affitto ti dà la proprietà di un immobile che, in futuro, potrai rivendere (al netto di inflazione e svalutazione della casa stessa). Inoltre, spesso si tende a pensare che prima o poi sia quasi obbligatorio acquistare una casa, per avere la sicurezza di avere un posto in cui vivere.

I vantaggi, in maniera più schematizzata, li potremmo riassumere in questo modo:

  • Proprietà dell’immobile;
  • Possibilità di rivendere in futuro;
  • Possibilità di stipulare un mutuo favorevole.

Per avere maggiore certezza nella vita potresti dunque pensare di comprare casa, così qualunque cosa accada potrai sempre avere un posto in cui vivere. Acquistare un’abitazione, tuttavia, richiede un budget iniziale che non sempre è disponibile. In questi casi, si può chiedere un mutuo alla banca, ma è pur sempre necessario disporre di almeno il 30% del prezzo complessivo della casa (spese burocratiche comprese).

Nel 2022, il prezzo medio delle case in Italia è di circa 1.800€ al metro quadrato. Per avere un’idea più precisa dei costi, diamo un’occhiata in base alla categoria e alla grandezza:

  • Un monolocale di 40 mq costa circa 000€
  • Un bilocale di 70 mq costa circa 000€
  • Un trilocale di 120 mq costa circa 000€

Alcune banche possono anche finanziare il 90/95% del valore stimato: in questo caso i tassi di interesse saranno più elevati rispetto ai prestiti standard, e la banca potrebbe richiedere l’acquisto di prodotti aggiuntivi, come ad esempio l’assicurazione contro la perdita del lavoro.

Per scoprire come comprare casa senza soldi, anche grazie ai bonus e agli incentivi che lo Stato mette a disposizione, leggi la nostra guida completa per comprare casa.

Affittare casa: pro e contro

Come abbiamo visto, comprare casa può essere un investimento vero e proprio per il futuro, con conseguenti spese elevate, e proprio per questo non è adatto a tutti. D’altra parte, scegliere di andare in affitto può essere la soluzione ideale per chi non desidera acquistare una casa, che sia per motivi economici o per altre esigenze personali.

Se viaggi molto e fai lunghi periodi di assenza, oppure se i canoni di affitto sono inferiori rispetto alle rate del mutuo, affittare casa diventa la scelta più conveniente. Elenchiamo i principali vantaggi di andare in affitto anziché comprare casa:

  • Inizialmente si dispone di un budget maggiore
  • Possibilità di trasferirsi dopo brevi periodi
  • Possibilità di investire soldi in altre attività

Per chi preferisce guardare al futuro, tuttavia, andare in affitto potrebbe risultare sconveniente poiché si andrebbe a pagare senza ottenere una proprietà definitiva in cambio. Esiste in realtà una terza possibilità, ovvero l’affitto con riscatto. Questo permette di pagare un canone di affitto standard con la possibilità di acquistare la casa, dopo un periodo stabilito inizialmente. In questa maniera i canoni versati precedentemente saranno scalati dalla somma necessaria all’acquisto della casa.

Tra gli aspetti negativi dell’affittare casa, tuttavia, troviamo anche la possibilità che si verifichino delle incomprensioni con il proprietario di casa, oppure la ristretta libertà di decisione sull’assetto della casa e dei mobili.

Scegliere di vivere in affitto può dunque essere conveniente per chi si sposta spesso, oppure per chi non ha deciso di stabilirsi definitivamente in un determinato luogo. Nel 2022, inoltre, sono stati disposte particolari agevolazioni per chi vive in affitto e ha un ISEE inferiore ai 15.500€. Per conoscere tutti i bonus e gli incentivi, tra i quali il recente bonus affitto giovani 2022, consulta il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Conviene affittare o comprare casa?

Per concludere, cerchiamo di tirare le somme e stabilire definitivamente (con tutti i fattori personali del caso), quando conviene affittare casa e quando, invece, conviene comprarla.

Acquistare una casa può avere i suoi vantaggi, soprattutto a causa delle diverse agevolazioni in vigore quest’anno. In particolare, i giovani under 36 hanno la possibilità di accedere al bonus prima casa (trovate maggiori informazioni qui) fino alla fine di dicembre 2022. Questo bonus speciale permette di avere molti vantaggi, del tipo:

  • Esonero dal pagamento delle imposte sulla compravendita, se il soggetto presenta un ISEE inferiore a 40.000€
  • Esonero dal pagamento delle imposte sul mutuo
  • Lo Stato garantisce fino all’80% del capitale del mutuo.

Questi provvedimenti sono stati presi dallo Stato per favorire l’acquisto di una casa da parte di giovani, anche in condizioni contrattuali ancora incerte. In questo caso, la scelta di comprare casa può risultare conveniente. Ricordiamo tuttavia che queste agevolazioni sono valide esclusivamente in caso di acquisto della prima casa.

La scelta può ricadere sull’affitto se invece si cerca una maggiore flessibilità nel contratto. Come abbiamo visto, questa è un’opzione valida per chi non ha una grande disponibilità economica iniziale per stipulare un mutuo. Un altro elemento da considerare per decidere se conviene di più comprare casa o andare in affitto, riguarda i propri progetti futuri a livello personale e professionale. Se pensi di volerti trasferire e cambiare spesso città, che sia per lavoro o per esigenze personali, l’affitto rimane la scelta migliore.

A questo punto potresti chiederti: quanto è giusto pagare di affitto? Per avere un’idea generale, prendiamo come esempio le aree settentrionali italiane, nelle quali l’affitto medio è compreso tra i 740 e i 780 euro al mese, in linea con la media nazionale. Anche in questo caso, tuttavia, dipende dalla zona: in Lombardia, ad esempio, l’affitto di una casa costa circa 12€ al metro quadrato, mentre in Piemonte il prezzo è di 7,50€ al metro quadrato.

Ricordiamo che tutto dipende dalla tua disponibilità economica, dalla tua solidità finanziaria e, soprattutto, dai tuoi progetti futuri. Cerca di comprendere prima di tutto le tue esigenze personali, dopodiché valuta le opportunità e scegli in maniera tale da essere tranquillo o tranquilla con te stesso/a, anche in futuro.

Affitto o acquisto casa: letture consigliate

Di seguito ti lascio tre interessanti letture da svolgere per avere un’idea più chiara, così potrai scegliere con maggiore sicurezza.

Se hai intenzione di leggere questi libri, o se lo hai già fatto, faccelo sapere con un commento! E raccontaci nei commenti la tua esperienza.