Categorie
Consigli sulla Convivenza Gestione della coppia I fondamentali della Convivenza

Poliamore e convivenza: come fare?

Il poliamore è spesso un tabù ma come fare se si vuole andare a convivere? Cosa è giusto fare quando ci si approccia ad una convivenza anticonvenzionale? In questo articolo troverai le risposte

Poliamore: quando la convivenza non è monogama.

Come si fa quando il partner è più di uno? È possibile convivere con più di un partner? Anche se ci sono vari tipi di relazioni poliamorose molto spesso se il legame si fortifica si ha voglia di condividere tutto, tra questo anche gli spazi!

Come capire di voler convivere

Riuscire a capire di voler un rapporto non è sempre facile. Spesso la nostra idea di relazione viene influenzata da uno stereotipo che vede la monogamia come unica scelta. Per quanto questa soluzione sia valida, non è l’unica. Ci sono vari tipi di relazioni che prevedono il poliamore come alternativa a una convivenza monogama.

Convivere non significa esclusività, nel momento in cui i partner decidono di vivere insieme questo non esclude la possibilità di poter trovare e conoscere nuove persone da includere nel rapporto. Quello che però è fondamentale è trovare armonia e intesa, cosa non sempre facile. Capire di voler vivere con altre persone è sicuramente dettato dalla natura del rapporto trovando così, come filo conduttore, l’amore che si crea in esso.

Si può scegliere di convivere per vari motivi. Uno tra questi è sicuramente la difficoltà per i rapporti poliamorosi di essere accettati a livello legale, non donando così molte tutele e soluzioni a chi fa parte di questa fazione di persone.

Come convivere con il poliamore

Alla base di una convivenza ci devono sempre essere: fiducia, rispetto e soprattutto comunicazione. Nel momento in cui c’è carenza di ciò vivere insieme può risultare difficile e poco utile. Per comprendersi al meglio c’è necessità che i compiti vengano divisi in modo che nulla gravi sulle spalle di un singolo individuo.

Si possono quindi istituire turni settimanali per le faccende, effettuando una rotazione di essi in modo che tutti possano dare il proprio contributo. La condivisione di hobby e interessi è altrettanto fondamentale in quanto utile a rafforzare il rapporto. Proporre nuove attività stimolanti da fare insieme è certamente un ottimo modo per rendere armoniosa la convivenza.

È necessario, inoltre, trovare un terreno comune sulle spese da effettuare in precedenza all’effettivo trasferimento in modo da evitare equivoci.

Condividere un letto o avere stanze separate?

Condividere il letto in tre (o più partner) non è sempre facile, quindi quali soluzioni adottare per far fronte a questo problema?

Una prima idea potrebbe essere avere camere separate, questo è utile anche nel momento in cui si decide di lasciare la relazione aperta in quanto ritiene possibile ospitare ulteriori partner a restare la notte senza disturbare gli spazi altrui. Un’altra soluzione potrebbe essere l’adottare due o più camere matrimoniali e compiere dei “turni” nella condivisione di esse.

Queste due soluzioni non sono, però, sempre facili da attuare in quanto ciò comporta il trovare una casa con abbastanza spazi del genere, quindi spesso la soluzione più fattibile è trovare un letto di grandi dimensioni da poter condividere tranquillamente e mantenere equilibrio tra poliamore e convivenza.

Cosa fare e cosa non fare in una convivenza quando c’è poliamore

Come in ogni rapporto anche in uno di tipo poliamoroso non è sempre facile mantenere armonia. Però ci sono accortezze che possono essere adottate per ridurre al minimo le incomprensioni. In una convivenza poliamorosa è molto importante che non si tenga il conto delle attenzioni che i partner danno agli altri, nel caso in cui si cada in ciò si crea un meccanismo tossico che non ha nulla a che vedere con l’importanza dei sentimenti che si condividono.

È però estremamente importante parlare nel momento in cui qualcosa non va in modo da chiarire presto i conflitti senza che essi si accumulino. Nel momento in cui i propri partner frequentano altra gente è molto importante non vederli come nemici, a volte le proprie insicurezze possono portare a ciò ma questo ha solo effetti negativi. Bisogna tenere a mente il proprio valore individuale e capire quanto esso sia importante senza buttare giù altre persone.

Essere responsabili delle proprie azioni e consapevoli della propria individualità può solo portare benefici al rapporto evitando ogni tipo di gelosia.

Poliamore e convivenza: come trovare i propri spazi?

Avere tempo per sé stessi è sempre qualcosa che può beneficiare un rapporto. Imparare a conoscersi e mantenere la propria individualità fa sì che nessuno si stanchi degli altri partner. Per quanto sia importante condividere interessi e spazi è anche molto importante non annientare sé stessi in funzione della propria relazione.

Trovare un hobby da fare da solo o con amici dà modo di staccare un attimo la spina dalla routine che si crea in ogni tipo di relazione, quindi anche in quelle di tipo poliamoroso! Questo tempo per sé aiuta anche a metabolizzare e razionalizzare possibili discussioni e incomprensioni. Alcune soluzioni possono essere ad esempio viaggi o uscite in compagnia di gente esterna al nucleo familiare.

 

 

 

Se c’è amore e comprensione anche in molti è possibile convivere a prescindere da genere, aspetto e soprattutto numero! Quindi anche in caso di poliamore la convivenza può funzionare anche se non monogama.

Consigli di lettura sull’argomento “Poliamore e convivenza: come fare?”

Se vuoi approfondire questo argomento ti consiglio:


Dopo averli letti lasciaci un commento qui sotto con la tua opinione!

Sono Nicoletta, ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze Psicosociali della Comunicazione al secondo anno. Da Taranto a Milano per proseguire gli studi all'Università Milano Bicocca.

Di Nicoletta D'Elia

Sono Nicoletta, ho 21 anni e sono una studentessa di Scienze Psicosociali della Comunicazione al secondo anno. Da Taranto a Milano per proseguire gli studi all'Università Milano Bicocca.

Visualizza archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *