Categorie
Gestire le spese e risparmiare in coppia

Risparmiare e ridurre gli sprechi: Eco Shopping Intelligente.

Come risparmiare sulla spesa e ridurre le uscite? Semplice usando il cervello, facendo scelte oculate e buttando un’occhio ad etichette e prezzi.

Nell’attesa che arrivino i mobili, che si concludano gli acquisti di tutto ciò che ci servirà (processo che non è ancora del tutto iniziato!), proseguono i nostri viaggi nel mondo della convivenza e delle regole pratiche di sopravvivenza urbana.

Per la prima volta, sfogliando uno di quei giornaletti gratuiti che ti fissano mentre paghi in farmacia/cassa del supermercato, ci siamo imbattuti in un articolo interessante, sul ritorno alla spesa “alla spina”.

L’articoletto è comparso sul primo numero di Mondo Salute Lombardia (agosto 2008) e propone una contro tendenza: l’abbandono del “packaging ammiccante e l’usa e getta” per tornare alla spesa sfusa. Insomma, si direbbe che le persone cominciano ad essere stufi del incremento dei prezzi (che, cita l’articolo, oscilla dal 20 al 70%) e preferisce pesarsi i pomodori, acquistare un ceppo di insalata, individuare e pesarsi i cetrioli migliori.

E non solo: la versione cartacea dell’articolo offre anche degli ottimi consigli per l’eco-shopping (p.15), con lo scopo non solo di risparmiare, ma anche di ridurre l’impatto ambientale:

  1. Evitare di acquistare frutta e verdura nelle confezioni di polistirolo
  2. Preferire il sottovuoto alle confezioni in cartone
  3. Scegliere i detersivi concentrati o con la ricarica
  4. Evitare i prodotti mono porzione e quelli usa e getta
  5. Scegliere imballaggi riciclati o riciclabili o con l’etichetta Ecolabel, il marchio europeo dei prodotti a minor impatto ambientale
  6. Bere l’acqua del rubinetto o acquistarla nelle bottiglie di vetro con il vuoto a rendere
  7. Consumare insalata fresca. L’invito è rivolto soprattutto alla Lombardia, che è la culla delle insalate già pronte, pulite e lavate: il 90 per cento della produzione viene da Bergamo, Brescia, Milano e Lodi. Nonostante costino in media 6 volte in più del prodotto tradizionale, il loro consumo dal 2002 al 2007 è aumentato del 143 per cento.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *