Parcheggiare a Milano. Una vita fatta strisce.

5

Questo post è dedicato al tema “Parcheggiare a Milano”. Siamo partiti da un episodio personale (una multa ovviamente!) e abbiamo cercato di capire meglio come funziona il parcheggio nella nostra città. Il post è dedicato al parcheggio a Milano, ma siamo sicuri che chi abita in altri città italiane incontra ogni giorno problemi simili. Buona lettura!

 

Passare dall’avere un parcheggio personale, protetto da qualche muro al dover lasciare la macchina in strada, lo ammetto, non è cosa facile, immediata e indolore. Anche se hai una semplice utilitaria. E non viene voglia nemmeno di comprarsi una macchina usata un po’ catapecchia da lasciare in strada, o cercare appartamenti in vendita a Roma: sono messi peggio di noi! E poi Milano, tutto sommato ci piace.

 

A ciò bisogna aggiungere la guerra quotidiana, soprattutto in alcuni giorni per trovare parcheggio a Milano, tra strisce gialle e blu, carico/scarico merci e zone rese inspiegabilmente irraggiungibili da marciapiedi alti mezzo metro. Mah!

Eh sì, parcheggiare a Milano a volte diventa davvero una sfida epocale!

Parcheggiare a MilanoPerò, quando ti arriva il bollino è proprio tutto un altro mondo! Ti senti investito di un potere straordinario, appartenente alla casta di coloro che nel feudo possono fare ciò che vogliono, parcheggiare ovunque, in barba alle distinzioni cromatiche, con la sola eccezione per i lavoratori che devono caricare e scaricare nei posti a loro adibiti. Va bene lo stesso, anche loro appartengono in qualche modo alla casta dell’in-group, di quelli simili a te, quelli-del-tuo-quartiere. Questa si che è libertà, questo si che è un privilegio acquisito, in quanto sponsor del Comune di Milano nel ruolo di cittadino-che-paga-le-tasse.

Altro che “in barba alle differenze cromatiche”!!! 38 euro, mi è costata la sensazione di essere libero e l’aver stupidamente pensato che, in quanto residente, in mancanza di parcheggi riservati (quelli con le strisce gialle per intenderci) potessi parcheggiare a Milano liberamente sulle strisce blu. E se non avessi avuto il flat sulle telefonate, altrettanti ne avrei spesi in chiamate a tutti i diversi comandi della polizia municipale.

Tra le tante chiamate, naturalmente non sono mancate decine di visite a Mastro Google, alla ricerca di documenti chiari sulla cosa. Ai tempi avevo, infatti, trovato un documento che affermava qualcosa tipo “se i residenti non trovano parcheggio sul giallo, possono parcheggiare sul blu”, quasi un “vai a vicolo corto senza passare dal Via”. Sembrava perfetto, ma come nella migliore tradizione non trovo più il perfetto documento del Comune di Milano, da impugnare come documento contraddittorio rispetto alle norme vigenti.

 

Altre ricerche mi hanno portato su questa pagina del Comune, da cui sono arrivato a Disciplina della sosta regolamentata dove si afferma:

Strisce gialle
In questi spazi la sosta è riservata a residenti e ai non residenti che espongono il contrassegno rilasciato dall’Amministrazione Comunale.
La restrizione può restare in vigore in alcune zone dalle 8 alle 20,00 in altre per l’intero arco delle ventiquattrore, a seconda della zona.
Si invita a prestare la massima attenzione agli orari indicati nell’apposita segnaletica verticale.

Strisce blu
Delimitano gli spazi in cui la sosta è a rotazione pagando una tariffa oraria:

  • generalmente la sosta è a pagamento dalle 8,00 alle 19,00, ma in alcune zone la tariffa resta in vigore anche fino alle 24,00. Consultare la segnaletica.

In queste aree – nelle fasce orarie di operatività – la sosta è comunque gratuita per:

  • i residenti che espongono il contrassegno rilasciato dal Comune, ma  solo in zona Fiera nelle giornate di manifestazione e Cerchia dei Bastioni dalle 19,00 alle 24,00;
  • i veicoli muniti di contrassegno per invalidi;
  • i veicoli commerciali adibiti a carico e scarico delle merci, negli orari previsti in ciascuna delle aree interessate dalla regolamentazione;
  • i veicoli delle Forze dell’Ordine;
  • i veicoli per i quali sono previste deroghe stabilite zona per zona;
  • servizi pubblici, medici in visita domiciliare urgente, giornalisti e troupe televisive, per soste temporanee purchè i veicoli siano muniti di logo aziendale ovvero di speciale contrassegno rilasciato dall’Amministrazione Comunale.

Parcheggiare a Milano

 

Poi,di link in link, come un ranocchio salta da una foglia di loto all’altra, mi sono imbattuto nel documento allegato Durata tariffe e deroghe restrizioni in alcune aree di Milano da cui si evince che è possibile parcheggiare sulle strisce blu solo in poche zone di Milano, tra cui, la zona dei Bastioni e quella della Fiera. Poi, una chiamata all’ennesimo comando della Polizia Municipale mi ha chiarito che dovrebbero essere la zona 12 e 13. Il condizionale è d’obbligo: ad ogni telefonata riceverete una risposta ambigua, misteriosa, sibillina ma difficilmente risolutiva.

 

Ergo, sul tema parcheggiare a Milano possiamo concludere che:

  1. Se siete residenti, controllate il cartello del divieto di sosta, se reca l’eccezione dei residenti
  2. Se siete residenti, non avete diritto di parcheggiare dove volete. Anche se non esiste nel raggio di 4 chilometri un posto per residenti, se la vostra zona non lo prevede, smontatevi la macchina pezzo a pezzo e portatevela in casa.
  3. Sul blu si paga, tranne alcune inspiegabili zone più attente ai bisogni dei residenti.
  4. Non fidatevi di quanto trovate su internet: i documenti e i regolamenti vengono aggiornati raramente e, comunque, non sono sempre affidabili al 100%

E non apriamo il discorso Lavaggio strade (su cui avevamo già scritto uno dei nostri post preferiti, Rumori di fondo), che rappresenta un ulteriore paradosso!

Va beh, comunque parcheggio a parte noi siamo innamorati di Milano. Vi lasciamo quindi con qualche libro sulla nostra splendida città e con un video super divertente sul tema parcheggio (questo vale per tutta Italia!).

 

 

 

 

 

 

 

 



Continua a leggere. Potrebbero interessarti anche:


Lavori in corso - 1 - Le consegne
Il sogno di ogni coppia che mette su casa? Certo perchè non arriva tutto in una sequenza logica e lineare, bensi casuale: la lavatrice arriva prima dei bagni che devono a...
10 cose da fare prima di ristrutturare casa
Stabilire la penale, possibilmente definendo parametri quantitativi (giorni di ritardo e penale al giorno) e qualitativi (lavoro svolto) Chiedere immediatamente i numeri ...
Ikea di Domenica pomeriggio: fattibile!
Contesto: folla spintonante, rincoglionimento totale di tutti i bipedi nel raggio di 7.5 km dal centro dell'Ikea (la gente guarda gli scaffali e si dimentica di mettere i...
Obbligo di cura reciproca anche per chi convive
Una sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Milano afferma che anche il rapporto di convivenza può fare scaturire lo stesso dovere di cura delle coppie sposate.

About Author

5 commenti

  1. Per non parlare poi della vita milanese del non residente.. io lavoro in ZTL. Le rare volte che vengo a Milano in macchina mi tocca sempre valutare se mi costa meno pagare 10 ore di parcheggio o l’ecopass.. e se pago l’ecopass poi non sono sicura di trovare parcheggio in zona lecita non a pagamento. Un’angoscia, insomma!

    • Idem per noi e per tutti i residenti: se non sei nella tua zona, non ci sono storie: corri sempre il rischio.
      Ma la cosa più assurda è che nemmeno il residente è tutelato da questo punto di vista!
      L’abbiamo sempre pensato un pò tutti che ogni volta che andiamo sui navigli o in brera “freghiamo” il posto ad un residente… e ci dispiace. Ma la cosa assurda è che noi non viviamo in un quartiere ad alta concentrazione di locali, e quindi tutte queste regole sono per lo meno assurde!
      Mah!

      😉

  2. E poi parlanop che bisogna riavviare l’economia, mia moglie ha appena aperto un negozietto in zona Piazza Salgari, ora stanno facendo le strisice blu da 1,2euro all’ora, dovrà aumentare i prezzi, nella pseranza che le clienti non decidano di cambiare zona per non dover pagare il parcheggio!!

    • Ma vogliamo anche parlare del recente aumento dei gratta e sosta per la sera?!?
      Assurdo! Aumentassero e sistemassero la rete dei mezzi pubblici e la facessero durare tutta la notte, capirei questi aumenti per disincentivare il traffico, ma così è solo un costante salasso!!!

  3. Io no sono milanese, vengo da Torino (che si trova in Italia)
    vediamo se ho capito bene…..
    A milano ci sono parcheggi su una strada pubblica, nella quale io non ho il diritto di parcheggiare nemmeno a pagamento perchè è di uso esclusivo dei milanesi?????
    Strano, nella mia città non vietiamo a nessuno di parceggiare nelle strade pubbliche.

    Va beh, Cambio città e rimango in Italia

Leave A Reply

Prima di andartene, iscriviti alla nostra Mailing List

Lascia i tuoi dati, dopo aver letto la nostra Policy della Privacy.
Ti aggiorneremo su news e novità del sito!

100% No Spam

Grazie!

Ti stiamo inviando una mail. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione!