Scarica subito la Guida "RISTRUTTURARE CASA". GRATIS!

<p>Grazie!</p> <p>Ti stiamo inviando una mail. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione!</p>

La sindrome Ikea

7

E’ capitato a tutti. Soprattutto quando entri all’Ikea per la prima volta e stai per arredare casa, puoi tranquillizzarti: uscirai spendendo molto più di quanto avresti previsto.

Ma procediamo con calma, con uan premessa importante: noi amiamo alla follia l’Ikea, come tutti i tossici amano la propria droga! Potremmo presentarci così:

Ciao,

Siamo gli autori di Convivendo, abbiamo oltre 30 anni, soffriamo di Sindrome da Ikea e abbiamo combattuto contro la tentazione di comprare quattro Ektorp!

Probabilmente la scena continuerebbe con gli altri partecipanti del gruppo di auto aiuto che ci ringraziano per la confessione e gli ottimi risultati raggiunti dalla terapia.

Siete mai entrati all’Ikea? No? Bene, non fatelo. È come il primo tiro di sigaretta, se vi piace siete … fottuti! Si?

Siete degli abituè? Ci spiace, e molto! E vi spieghiamo subito il perchè.

La sindrome da Ikea vi coglie già all’entrata di questo piccolo paradiso dell’arredo: vuoi non comprare quello splendido pacco da 500 tovaglioli a soli 2.50 euro? Ti potrebbero essere utili per il compleanno di tua cugina (che sarà tra sette mesi e probabilmente non lo festeggerà perché è in missione in Burkina Faso). Guarda quello splendido porta mestolo, vuoi che non ti serva la prossima volta che cucini la tua bella zuppa di legumi? Non importa se sei allergico ai legumi: costa solo 3 euro.

Prendiamo solo quell'abat jour molto carina ed economica!

L’Ikea da quando è nata è stata stramaledetta da tutti i mobilieri di Lissone e da tutti i lussuosi designer dell’universo: qualità relativamente discreta – spesso del tutto accettabile, a volte magnificamente elevata, altre discutibile – ad un prezzo accessibile per qualsiasi tasca. La nostra grande idea? Il prezzo piccolo.

E così tu, ignaro acquirente, ti trovi a riempire il mitico sacchetto giallo di spacca noci uzbeke (non fa niente se non ne hai mai vista una e se per romperne una devi usare direttamente il machete), di utilissimi porta cd da cassetto (che occupano il 70% dello spazio ma che ti permettono di tenere dritto ben 8 cd, quando ne hai 450), di comodissimi leggii per nascondere i trasformatori dei cellulari, disponendoli in modo ordinato sulla mensola. Come? Ti ostini a non avere il cellulare? Male, potresti usare il leggio. Vai subito a comperare un cellulare. Muoviti!

Il problema è che già il catalogo ti illumina di immenso e ti disegna la vita che hai sempre voluto, con la compagna che ammicca da maiala mentre versa il the, un figlio che gioca tranquillo nel suo spazio ordinato e colorato, con un garage ottimamente strutturato, pulito, in cui gli arnesi sono tutti in ordine alfabetico. Come? Ah! L’ultimo quadro te l’ha appeso il tuo vicino, perchè non sei capace? Ok, ma almeno una poltrona in rattan ce l’avrai sul terrazzino. Come non hai il terrazzino? Vabbè, una poltrona in rattan, la metti un po’ dappertutto!

Attenzione quindi, a quello che diceva Zardo in Primi passi “tra qualche anno avremo tutti la casa uguale, ammobiliata con librerie, letti e divani dai nomi impronunciabili”. Può darsi, ma saranno meravigliosamente identitici ai nostri sogni, adatti al nostro modello ideale: il catalogo Ikea.

Ma ci sono esperimenti che ci dicono come sopravvivere alla sindrome. Presto, su questi schermi



Continua a leggere. Potrebbero interessarti anche:


Obbligo di cura reciproca anche per chi convive
Una sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Milano afferma che anche il rapporto di convivenza può fare scaturire lo stesso dovere di cura delle coppie sposate.
Qualche giorno in più per il Concorso Confidendo
Non ci sono più scuse! Un'altra settimana per sistemare il tuo post, inviarlo a Convivendo e vincere uno splendido weekend per due dove preferisci! Forza, al lavoro!!! Il...
Confidendo: abbiamo i quasi vincitori!
Convidendo sta per pubblicare i nomi dei finalisti del concorso Confidendo: confidalo a Convivendo! Ci sei anche tu?
Spese di coppia: la guida definitiva. Come puoi risparmiare 5000 euro all'anno senza sforzi.
Spese di coppia: la guida definitiva di Convivendo.Con questo post dedicato alle spese di coppia vi raccontiamo come abbiamo fatto a risparmiare 5.000 euro in un anno...

About Author

7 commenti

  1. Nooo.. L’IKEA io la odio.. si è vero trovi cose economiche e simpatiche, idee nuove e sopratutto inutili ma stimolanti… Però, la Domenica anche DIO si è riposato.. Domenica entro allIKEA e già mi sento soffocare dalle tremila persone per Mq. compri quattro cazzate, arrivi a casa dopo 16 ore.. stanco stressato e con la giornata che ormai è andata a puttane, (qui rischi che Alemanno ti manda la multa a casa) e LEI mi guarda e mi dice, lo cominciamo a montare, così per vedere come viene.. poi lo monto io, impazzisco ma lo devo finire e alle 11 e mezza provo a dormire, ma poi passo la notte a pensare “ma se la vitarella A va nel foro H come la inserisco la staffa K?”
    Fanculo all’IKEA!!!!!!!!!!!!!!!!!

  2. Concordo! Sabato mattina dovevamo correre a prendere dei pezzi che erano rimasti fuori dall’ordine che ci avrebbero montato ieri. una follia!

    Di solito ci capitava di andarci in settimana, in estate e nel primo pomeriggio… altro mondo! altra dignità!!! Per il montaggio, me ne guardo bene e Lei, fortunatamente, sa che potrebbero volerci ben più dei sette giorni di Dio!!!

    🙂

    Ps. Questo proprio non l’avevo visto: http://www.ikea.com/it/it/catalog/categories/range/10377/10515/ … qui ci scappa l’articolo!!!!!!

    Lui

  3. Assolutamente! Non ci entrare! 😀

    E noi ci stiamo lavorando alla nostra sindrome, che per di più è abbastanza leggera… Potresti trovarti ad comprare un Kranda o un Simpelkr, accorgendotene solo alla cassa!

    Però, come ti potrebbe dire un fumatore o un tossico che parla della sua dose, quanto sono geniali su certe cose!!!

    😉

  4. Avreste dovuto avvertirmi prima…adesso come faccio?
    ci sono dentro fino al collo…all’inizio era una volta ogni tanto, adesso ci penso tutti i giorni…i bastardi poi hanno aperto anche una community on-line (fino a casa ti vengomo a prendere) ed io ci sono cascata come una pera cotta…mi hanno detto alla cassa:”è facile, signora (e già qui c’era da incazzarsi) con la sua tesserina ikeafamily si registra a familyikea (contorti e subdoli) ed entra a far parte della nostra fantastica community!”…ed io al posto di uccidere la cassiera con la suddetta tesserina sono tornata a casa e mi sono iscritta…ho paura.vi prego aiutatemi!

    P.S.:però così “fatta” da andarci di domenica mai!
    P.S.2:carino il post….

  5. Ma ciao! E benvenuta!!!

    Si comincia sempre così, per caso, come un tiro di sigaretta… e poi! Ecco il vizio!!! 🙂
    Certo che tu sei messa anche peggio di noi:-) la community l’ho proprio evitata… com’è? dicci di farci una capatina? ma dopo il primo giro è facile uscirne? oddioooo stai tentando due tossici!!! 🙂

    🙂

    Per la domenica: ci scriveremo su un piccolo post: è meglio di quanto si possa pensare ma… c’è un segreto!

    Lui

  6. argh!!!segreto??lo voglio sapere!subito!
    ecco lo sapevo che non dovevo frequentarvi perchè mi avreste portato sulla cattiva strada……(caramelle ne avete?eh?)..adesso dovrò stare qui tutti i giorni per vedere se pubblicate….scorretti…
    la community??ma si, se comincia a frequentarla la gente giusta potrebbe diventare simpatica…..alla fine è uno spazio di interazione che potrebbe generare creatività…però nessuno sa cosa hanno in mente gli svedesi……….

    ei!mica dimenticarvi che io sto qui curiosa come una scimmia eh?
    ciao!

Leave A Reply

Prima di andartene, iscriviti alla nostra Mailing List

Lascia i tuoi dati, dopo aver letto la nostra Policy della Privacy.
Ti aggiorneremo su news e novità del sito!

100% No Spam

Grazie!

Ti stiamo inviando una mail. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione!