Tutto iniziò con molta semplicità – Prima parte

4

Immagine tratta da Stock.xchng

Queste pagine raccolgono un pò di pensieri sparsi, riflessioni, dubbi, domande aperte che potrebbero interessare tante persone che stanno per intraprendere o hanno già intrapreso una scelta come la nostra. E forse questo post doveva essere il primo, ma non ci piace l’idea di avere schemi troppo rigidi e ci piacerebbe se le cose comparissero sul web un pò come ci vengono in mente.

Il punto di partenza è sicuramente il momento in cui si decide di convivere. Può avvenire in molti modi (e ci piacerebbe leggere tra i commenti come è successo a voi.

Immagine da Stock.xchng

Per noi è stato semplicissimo. Due percorsi si intrecciavano e le nostre esigenze si sono perfettamente incastrate, come le due parti di una cerniera.

Per motivi di lavoro, avevo già deciso di cambiare casa ed ero disposto anche ad andare vivere da solo, per non accelerare troppo i tempi e per lasciare maturare le cose tra di noi. Lei era d’accordo, non apprezzava molto l’idea di sbattere via soldi in affitto, ma poteva essere una buona soluzione intermedia.  Poi, una serie di eventi, hanno spinto Lei a pensare ad una soluzione anche per sè.

Un giorno, come se mi chiedesse ti va di andare a mangiarci una pizza, mi chiede “Visto che entrambi abbiamo la stessa esigenza, che ne dici di andare a vivere insieme?”.

  • Tempo di reazione/risposta mia: 2 secondi.
  • Percentuale di sicurezza: 100%.
  • Risposta: “ci sto!”.

Non so cosa mi è preso in quel momento. So solo che non ho avuto dubbi, ed esattamente come quando hai fame, ti propongono un panino e tu al volo prendi e dici grazie, quella è stata la risposta più naturale e immediata.

Tempo qualche settimana e il motore del nostro progetto prendeva un ritmo sempre più rapido e deciso. Era il mese di aprile del 2008. Ed era solo l’inizio.



Continua a leggere. Potrebbero interessarti anche:


About Author

4 commenti

  1. Ottima la metafora della cerniera, davvero azzeccata. Anche quella del panino quando si è affamati non è niente male e rende davvero l’idea però… è decisamente meno “romantica” 😉

    E’ bello che sia stata una cosa semplice: del resto molto spesso le cose semplici sono quelle che poi alla fine si rivelano migliori!

  2. anche a me è successo esattamente cosi…ho incontrato il mio ragazzo in un momento di assoluta sfiducia, in cui nemmeno il fatto di avere un partner era nei programmi (figuriamoci andare a convivere)! ci siamo innamorati, abbiamo da subito avuto varie settimane di convivenza, dato che vivevamo in due Paesi diversi…

    poi io sono dovuta tornare nel posto in cui avevo vissuto quattro anni e siccome proprio allo stesso momento lui era libero da impegni lavorativi (a volte essere disoccupati un periodo ha i suoi vantaggi!), lui mi ha proposto di seguirmi… ci siamo detti perchè affrontare la maledetta distanza se possiamo fare di meglio?

    L’idea era di prendere due case diverse.. ma sinceramente non eravamo entusiasti.. per motivi economici avremmo dovuto entrambi condividere con altri ragazzi, gente che non conosciamo.. e dopo 6 anni in cui ho fatto sta vita, non mi entusiasmava l’idea di non poter avere i nostri spazi, la nostra intimità e semplicemente non poter fare ciò che vogliamo! Allora ci siamo detti al volo, andiamo a convivere!
    Per noi è stata una scelta semplice e naturale, che ci dà gioia nella definizione di ogni piccolo dettaglio..
    Ovviamente i commenti che abbiamo ricevuto sono stati principalmente che siamo pazzi, che è troppo presto, che non ci conosciamo a sufficienza, che è rischioso…

    Ma noi crediamo che se una storia debba finire, finisce comunque… anzi sarebbe più rischioso esporsi ad inutili sofferenze con la distanza di 2000 km di mezzo e tutte le sbattute logistiche..alla fine non è una scelta irreversibile, ma si coraggiosa!!! Insomma noi non ci pentiamo..

    E all’idea di vivere in un posto super freddo d’inverno, ma di trovare lui a casa quando torno, dormire insieme tutte le notti, poter fare ciò che vogliamo senza dare conto a nessuno, chiudere i problemi di lavoro li fuori da quelle mura… è semplicemente meravigliosa!

Leave A Reply

Prima di andartene, iscriviti alla nostra Mailing List

Lascia i tuoi dati, dopo aver letto la nostra Policy della Privacy.
Ti aggiorneremo su news e novità del sito!

100% No Spam

Grazie!

Ti stiamo inviando una mail. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione!

Hai già scaricato la Lista di Convivenza?

Lascia la tua mail e scarica subito la "Lista di Convivenza": la lista compelta di tutto ciò che ti occorre prima di andare a convivere!

Grazie!

Ti stiamo inviando una mail. Clicca sul link per confermare la tua iscrizione!

Powered byRapidology